WHITE SWISS SHEPHERD DOG

PASTORE SVIZZERO BIANCO

(Weisser Schweizer Schäferhund)

photo st 347

 

 

ORIGINE: Svizzera

 

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD UFFICIALE: 26/11/2002

 

UTILIZZO: cane da famiglia e da lavoro, con un indole distintamente amichevole verso i bambini, un attento guardiano, allegro, impara velocemente.

 

CLASSIFICAZIONE FCI: Gruppo 1 – cani da pastore e bovari (esclusi bovari svizzeri)

Sezione 1 – cani da pastore

Senza brevetto di lavoro

 

 

BREVE RESOCONTO STORICO:

 

Il Pastore svizzero bianco è cominciato ad essere accettato come una razza distinta prima negli Stati Uniti e nel Canada.

I primi soggetti di questa razza erano importati in Svizzera all’inizio degli anni 70. Il maschio americano “Lobo” nato il 5 Marzo 1966 si può considerare come un progenitore della razza in Svizzera. I discendenti di questo maschio registrati nel Libro svizzero delle origini (LOS) ed altri pastori bianchi importati dagli Stati uniti e Canada si sono gradualmente moltiplicati. All giorno d’oggi esiste un gran numero di generazioni di pura razza del Pastore svizzero bianco distribuiti in tutta l’Europa. Per questa ragione fin da Giugno 1991, questi soggetti erano registrati come una razza nuova nell’appendice del Libro svizzero delle origini (LOS).

 

ASPETTO GENERALE:potente, con la muscolatura ben sviluppata, di taglia media, cane da pastore bianco con orecchie erette, doppio mantello oppure doppio mantello lungo sempre con sottopelo, struttura ossea media, l’aspetto elegante ed armonico.

 

PROPORZIONI IMPORTANTI:

  • Formato rettangolare moderatamente lungo : lunghezza del corpo (dalla spalla all’ischio) rispetto altezza al garrese = 12:10
  • La distanza dallo stop al tartufo è leggermente più lunga che la distanza dallo stop alla protuberanza occipitale.

 

COMPORTAMENTO – CARATTERE: vivace, non nervoso, attento e guardingo, a volte chiuso verso gli estranei ma mai pauroso o agressivo.

 

TESTA: importante, asciutta e finemente ceselata, ben proporzionata al corpo. Vista dall’alto e di lato forma un cuneo. Le assi cranio-facciali sono parellele.

 

REGIONE CRANIALE:

Cranio: leggermente arrotondato, visibile linea centrale.

Stop: leggermente marcato, ma chiaramente percepibile.

 

REGIONE FACCIALE:

Tartufo: di media grandezza, preferibilmente nero – colorazione più chiara e “naso da neve” (mucosa rosa d’inverno) accettati.

Muso: importante e moderatamente lungo rispetto al cranio, linea superiore ed inferiore del muso sono dritte e leggermente convergenti verso il tartufo.

Labbra: asciutte, strettamente aderenti e chiuse, possibilmente di colore nero.

Dentatura: potente e completa, chiusura a forbice. Denti diritti alla mascella.

Occhi: grandezza media, leggermente obliqui a mandorla di colore marrone o marrone scuro. Palpebre ben aderenti con i contorni possibilmente neri.

Orecchie: erette, inserite alte, portate dritte parallele e direzionate in avanti, forma di triangolo oblungo leggermente arrotondato in cima.

 

COLLO: di media lunghezza e ben muscoloso, armonicamente inserito nel tronco senza giogaia. La linea del collo elegantemente arcuata scorre senza interruzioni dalla testa portata moderatamente alta fino al garrese.

 

CORPO: forte, muscoloso di media lunghezza

Garrese: pronunciato

Dorso: orizzontale, solido

Reni: molto muscolose

Groppa: lunga e di media larghezza, leggermente discendente verso attacatura della coda.

Torace: non troppo largo, profondo (intorno al 50% dell’altezza al garrese) fino ai gomiti, cassa toracica ovale, ben estesa indietro e nella parte anteriore l’omero sporgente.

Ventre e fianchi: fianchi snelli e sodi, linea inferiore leggermente arcuata verso alto.

 

CODA: bella folta a sciabola, alla fine a punta, inserita abbastanza profondamente, lunga al minimo ai garretti. In tranquilità pende giù oppure leggermente arcuata verso alto nell’ultimo terzo. Nel movimento portato più alta, ma mai sopra la linea dorsale.

 

ARTI: robusti, muscolosi, nerboruti, ossatura media.

Anteriori: diritti dal davanti, postura solo moderatamente larga, visti dal lato ben angolati.

Spalla: lunga con la scapola ben angolata e ben inserita in diagonale. Tutta la spalla è ben muscolosa.

Parte superiore dell’arto: adeguatamente lunga, fortemente muscolosa.

Gomiti: ben aderenti

Avambraccio: lungo, dritto, nerboruto

Metacarpo: solido e solo leggermente inclinato

 

Posteriori:visti da dietro diritti e parallelli, postura non troppo larga, visti di lato con adeguata angolazione.

Coscia: di media lunghezza, muscolatura possente

Stinco: di media lunghezza, inclinato con ossatura forte e buona muscolatura

Garretto: possente, ben angolato

Metatarso: di media lunghezza, dritto, nerboruto. Gli speroni dovrebbero essere tolti ad eccezione nei paesi dove la rimozione è proibita per legge.

Piede: ovali, quelli posteriori leggermente più lunghi che quelli anteriori, dita ben unite e arcuate, polpastrelli sodi e neri, le unghie possibilmente nere.

 

ANDATURA: sequenza ritmica ed uniforme di passi sicuri, leggeri. Trotto agile ad ampia falcata.

 

CUTE: senza grinze, a pigmentazione scura

 

PELO:corto di lunghezza media, folto, aderente con sottopelo oppure lungo con sottopelo. Sottopelo abbondante è ricoperto da pelo coprente protetivo duro e dritto. Muso, interno orecchie e la parte anteriore delle zampe sono ricoperti con il pelo più corto, al collo e sulla parte posteriore delle zampe il pelo è più lungo. Il pelo duro leggermente ondulato è permesso.

 

COLORE: bianco

 

TAGLIA E PESO:

Altezza al garrese: maschi 60 – 66 cm

femmine 55 – 61 cm

Peso: maschi cca 30 – 40 kg

femmine cca 25 – 35 kg

I soggetti tipici leggermente sotto o sopra le misure non dovrebbero essere eliminati.

 

DIFFETTI: Tutte le diversità rispetto allo standard sono da considerarsi difetto e nel giudizio finale hanno un peso variabile in funzione della sua gravità.

 

IMPERFEZIONI:

  • Colore leggermente fulvo – tendente al giallo a al thanè sulla punte delle orecchie, sulla groppa o sulla parte superiore della coda
  • Il pigmento parzialmente mancante sul tartufo, sulle labbra o sulle palpebre

 

DIFFETTI:

  • Troppo pesante, tozzo (formato quadrato)
  • Dimorfismo sessuale nonvisibile
  • Mancanza di più di due PM1, gli M3 non sono considerati
  • Orecchie piegate o pendenti, o a bottone
  • La linea orizzontale fortemente discendente
  • Coda a riccio, attorcigliata, ad uncino o portata sopra la linea superiore del dorso.
  • Mantello morbido e serico, lanoso, riccio non aderente o pelo lungo senza sottopelo
  • Distinto colore fulvo (da giallo a al thanè) sulla punte delle orecchie, sulla groppa o sulla parte superiore della coda.

 

DIFFETTI DA SQUALIFICA:

 

  • Soggetti tropo paurosi o agressivi
  • Con uno o entrambi occhi blu, o sporgenti
  • Entropion, ectropion
  • Prognatismo, enognatismo o chiusura irregolare
  • Pigmento mancante del tartufo, delle labbra e/o delle palpebre
  • Pigmento mancante della pelle o sui polpastrelli
  • Albinismo

 

Ogni soggetto che dimostra chiaramente le anomalie sia comportamentali che fisiche dovrebbe essere disqualificato.

 

PS: I maschi devono avere due testicoli normalmente svilupati discesi completamente nello scrotto.

 

 

Tradotto da Andrea Pecharova’ dalla versione inglese dello standard sulle pagine web ufficiali di FCI.

 
 
 
 
 
© 2009 Foresta Incantata - webmaster Andrea Pecharova'